Incidenti stradali: Come ci dobbiamo comportare in caso di sinistro r.c. auto?

Purtroppo può capitare di subire un sinistro stradale. Ecco una semplice guida per conoscere i comportamenti da avere in caso di incidente. In primis dobbiamo mantenere la calma e valutare se si tratta di incidente con gravi danni a cose e persone oppure sinistri stradali con danni lievi. Se ci troviamo di fronte a situazioni gravi bisogna mettere in sicurezza il luogo del sinistro e chiamare le autorità, avendo cura di non spostare il veicolo ed i feriti. In caso di piccoli tamponamenti è necessario rimuovere i veicoli per non ostruire il traffico. Quando si riportano delle lesioni in un incidente stradale, bisogna recarsi al Pronto Soccorso dell’ospedale più vicino e farsi refertare. Molto importante è raccogliere i dati anagrafici di eventuali testimoni per un eventuale causa giudiziaria o per un arbitrato. Ricordiamo che se non siamo d’accordo con l’altro conducente non è obbligatorio firmare il modulo di constatazione amichevole, il C.A.I. sarebbe opportuno compilarlo, ma va firmato solo se c’è accordo tra le parti. A chi dobbiamo presentare la denuncia di sinistro? La denuncia va fatta alla nostra compagnia di assicurazione entro tre giorni dal sinistro. Se abbiamo subito un sinistro di cui siamo responsabili solo in parte o non siamo responsabili e nell’incidente sono coinvolti soltanto due veicoli entrambi identificati, regolarmente assicurati ed immatricolati in Italia e se nell’occorso sono presenti feriti lievi, si applica la procedura del risarcimento diretto, questo significa che è necessario presentare la richiesta direttamente al nostro assicuratore. Negli altri casi la richiesta deve essere rivolta all’assicuratore del veicolo che si ritiene responsabile del sinistro. Quanto tempo ha l’impresa per risarcire un sinistro r.c. auto? L’assicuratore è obbligato a formulare l’offerta di risarcimento entro 30 giorni in presenza di modulo di constatazione amichevole, altrimenti 60 giorni per i danni al veicolo e cose, ed entro 90 giorni per i danni alla persona. E se il veicolo responsabile del sinistro non è assicurato o non è identificato oppure se è stato posto in circolazione contro la volontà del proprietario? In questi casi bisogna rivolgere la richiesta di risarcimento all’impresa designata e alla CONSAP – Fondo di garanzia per le vittime della strada (F.G.V.S.). Un consiglio che possiamo dare in caso di sinistro per ottenere un giusto risarcimento del danno, è valutare l’opportunità di affidarsi ad occhi chiusi alle procedure risarcitorie “in convenzione” che ci vengono proposte dalla nostra assicurazione. Infatti, in questi casi il danneggiato avrà come interlocutore un soggetto che sarà ovviamente più docile con la propria compagnia convenzionata. Infine, facciamo molta attenzione a cedere il nostro credito alle carrozzerie. Quando cediamo il credito non possiamo più intervenire nella procedura di liquidazione del danno direttamente e neppure tramite il nostro legale di fiducia. Il carrozziere acquisendo il credito opererà come se fosse il danneggiato anticipando i lavori per farsi pagare successivamente dall’assicurazione. Questo sistema è molto efficace, se non fosse per il fatto che alcune volte le compagnie assicurative non risarciscono il carrozziere. Può accadere, ad esempio, che la dinamica del sinistro viene modificata da una contestazione di controparte. In questo caso se il carrozziere non viene pagato è onere del cliente saldare il conto. Ricordiamo che se avete problemi di infortunistica stradale potete rivolgervi gratuitamente al nostro studio attraverso il modulo contatti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *