Note legali

Il presente sito è predisposto ai fini informativi aziendali professionali svolta dagli avvocati Fabio ed Ivan Della Rossa.

L’uso dei dati personali nel rispetto delle norme sulla privacy e sull’accesso al sito per la privacy e per la protezione dei termini e del contenuto dell’informativa sulla privacy su http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/provvedimenti-normativa nonchè la conoscenza e la integrale accetta dell’informativa privacy per i cookie e delle dichiarazioni di esclusione di responsabilità sotto riportate

Si comunica che, allo stato, il sito web www.dellarossa.eu non prevede la registrazione di alcun dato personale, ad eccezione dei cookie come da informativa separata.

Richiamando integralmente il Codice della Privacy D.lgs n. 196/2003 consultabile su http://www.altalex.com/documents/codici-altalex/2014/02/10/codice-della-privacy, aggiornato al D.lgs. 14 settembre 2015 n. 151, ai sensi dell’art. 13 D.Lgs. nr. ed in osservanza dello stesso, qui di seguito si indica il contenuto ed i termini dell’informativa sulla privacy.

 

DICHIARAZIONI DI ESCLUSIONE DI RESPONSABILITÀ

I collegamenti ipertestuali (link) ove presenti nel sito indirizzano i visitatori verso pagine web presenti su siti diversi dal presente. Gli avvocati Fabio e Ivan Della Rossa non si assumono alcuna responsabilità sul contenuto di tali siti e sull’uso che ne sono in grado di garantire l’accesso ai siti dall’interconnessione con gli stessi o dallo scaricamento del contenuto ivi presente.

Comunicazioni Via Mail

La posta elettronica può essere letta e / o manipolata da estranei: per racconto ragione e declina ogni responsabilità per informazioni da essa trasmessa via e – mail a mezzo posta elettronica posta elettronica nel sito.

Ogni comunicazione anche via email è da considerarsi riservata e diretta al solo destinatario; se ricevuta per errore, si prega di notiziarne il mittente.

La posta elettronica e / o trasmessa dagli avvocati Fabio e Ivan Della Rossa non è il caso, è configurabile il reato di cui all’art. 616 cp (violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza), il quale punisce “chi prende cognizione del contenuto di una corrispondenza chiusa, un lui non diretta” e chi “rivela anche parte del contenuto della corrispondenza”.